Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home Ricerca Biblioteche

Biblioteche

Le Biblioteche del Dipartimento di Giurisprudenza fanno capo, come tutte le altre strutture bibliotecarie dell'Università di Macerata, al Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA), istituito con D.R. n. 1231 del 4-11-2004, con la finalità di fornire all'utenza accademica servizi integrati ed omogenei di elevato livello. In questo nuovo assetto le biblioteche hanno mantenuto però la propria peculiarità disciplinare e la propria autonomia di gestione anche per quanto concerne gli orari.

Il complesso bibliotecario del Dipartimento di Giurisprudenza è dislocato presso le seguenti sedi:

  • Sede Piaggia dell'Università, 2 - 62100 Macerata: Orari: lun-ven 9-19

- Biblioteca giuridica (comprensiva delle biblioteche di Diritto privato e del lavoro italiano e comparato, di Diritto processuale civile, di Diritto romano, di Storia, Filosofia del diritto e Diritto ecclesiastico, di Diritto internazionale e dell'Unione europea, del Centro di documentazione europea, dell'Emeroteca giuridica)

  • Sede di Via Garibaldi, 20 - 62100 Macerata Orari: lun-ven 9-13 / martedì e giovedì 14:30-17:30

- Biblioteca di diritto e procedura penale

- Biblioteca  di studi storici *

* per fondo Sbriccoli, Biblioteca Barnave e Fondo Marsili Feliciangeli

Orari: martedì, mercoledì e giovedì ore 9-13

  • Sede di Via Don Minzoni, 9  - 62100 Macerata Orari: mer  9-13

- Biblioteca del Laboratorio di chimica tossicologica forense e medicina forense

  • Sede di Via Angeloni, 3 - 60035 Jesi (AN)  presso Fondazione "Angelo Colocci" Orari: lun-ven 9-13 / 14-18

Biblioteca  di Scienze dei servizi giuridici

Per maggiori informazioni si rimanda al sito del Sistema Bibliotecario di Ateneo ed in particolare alla sezione "Elenco Biblioteche".

 

Per ricerche bibliografiche si consiglia di consultare :

Catalogo on line OPAC

Biblioteca digitale

 

Presso le biblioteche del dipartimento sono conservati i seguenti fondi di particolare rilevanza:

Emeroteca giuridica

L’Emeroteca giuridica è un progetto in corso di allestimento. Prevede la realizzazione, negli spazi dell’ex Biblioteca centrale della sede di Giurisprudenza, di un’Emeroteca in grado di ospitare le collezioni correnti e spente dei periodici di alcune strutture bibliotecarie giuridiche in modo che siano fruibili direttamente dall’utenza secondo un orario prolungato e continuato che si snoda dalle ore 9 alle ore 17 per gli studenti, dalle ore 9 alle ore 20 per i docenti.

L’attuale sala di lettura dell’ex Biblioteca centrale, in Piaggia dell’Università 2, ha la capienza di n. 140 posti a sedere. Nel piano rialzato con balconata i posti disponibili sono stati destinati ad uno spazio-studio riservato al personale docente.

Nei locali dell’ex Centro stampa al piano terra è stato allo scopo attrezzato un deposito librario con scaffalatura compatta in grado di contenere fino a m 770 lineari di scaffalatura per una capienza totale di circa 20.000 volumi.

All’interno della sala di consultazione saranno previsti alcuni punti di collegamento al catalogo elettronico dell’Ateneo (OPAC) ed un servizio autogestito di fotoriproduzione con tessera prepagata.

 

Biblioteca di studi storici

Fondo Marsili Feliciangeli

La parte del fondo conservata presso l’ex istituto di Studi Storici presenta principalmente monografie antiche edite tra il XVI e il XVIII secolo. Si tratta prevalentemente di opere giuridiche selezionate dai proprietari per precise esigenze di studio e professionali

Fondo Mario Sbriccoli

(circa 12.000 volumi). Circa 4000 volumi del fondo sono fonti di diritto comune (1400-1789) con una preponderanza di volumi dedicati al diritto criminale e alla dottrina dei criminalisti e di diritto dei secoli XIX e XX anch’essi con un forte orientamento penalistico. I restanti volumi pubblicati principalmente nella seconda metà del 1900 si occupano di storia del diritto, diritto, filosofia e scienze sociali. Vi è inoltre un consistente numero di riviste di carattere storico-giuridico  Nel corso del 2011 il vasto Fondo antico ha trovato consona collocazione in una sala rinnovata che consente agli studiosi e agli studenti un più facile e adeguato accesso.

Biblioteca di eccellenza del Laboratorio Antoine Barnave

(circa 8400 volumi). I volumi parte del fondo attengono alla storia costituzionale dei secoli XVII-XX; si segnalano trattati, libri, atti legislativi, pamphlets pubblicati in Europa e in America e riconducibili alla scienza del governo, alla riflessione sui poteri pubblici, al rapporto governo/sudditi-cittadini, alle autonomie locali. Nella biblioteca Barnave sono presenti, in edizione originale, testi di difficilissima reperibilità in altre città italiane ed ormai consultabili con grande difficoltà anche a Parigi, basti tra tutti ricordare la collezione completa del “Moniteur universel” dalla Rivoluzione all’avvento al trono di Luigi Filippo d’Orleans (1789-1830).

 

Biblioteca di diritto romano

Fondo Orestano

(circa 2630 volumi e 8054 estratti). Il fondo contiene libri giuridici, tra i quali una preziosa raccolta di estratti; una parte considerevole dei volumi è costituita da fonti di diritto comune.

Fondo Raggi

(circa 1.321 volumi e 818 estratti). La biblioteca di Luigi Raggi è probabilmente uno dei tratti più significativi della personalità del suo proprietario, cui nessuna esperienza culturale era estranea: accanto a libri specificatamente romanistici, stanno libri che trattano di poesia, di musica, di letteratura, di storia dell'arte; e, ancora, saggi sulle correnti allora ultime e più recenti del pensiero moderno, dalla logica allo strutturalismo, alla linguistica.

 

Biblioteca di Storia, Filosofia del diritto, diritto ecclesiastico

Fondo D’Avack

(circa 2170 volumi). Il fondo ospita volumi inerenti alla teologia, al diritto ecclesiastico e canonico.

Sono presenti parecchi volumi del 1500, 1600 e 1700, vi sono inoltre faldoni con miscellanee ed estratti sempre concernenti argomenti di teologia, di diritto ecclesiastico e canonico che sono stati solo in parte catalogati elettronicamente.

 

Biblioteca di diritto privato e del lavoro italiano e comparato

Fondo Recchi

(563 volumi). Il materiale librario del Fondo Recchi, di carattere per lo più monografico, è di interesse per il diritto agrario, in particolare, del secolo scorso; arricchisce e completa la ricca sezione di diritto agrario presente presso la Biblioteca di diritto privato e del lavoro italiano e comparato.

 

Biblioteca di Medicina Legale e delle Assicurazioni

Fondo Attilio Ascarelli

(322 volumi e di vario materiale documentario). I libri sono di argomento medico-legale, criminologico e tossicologico mentre il materiale documentario è quello raccolto nel corso dei lavori di esumazione e di identificazione delle vittime delle Fosse Ardeatine, comprendente anche alcuni rilevanti documenti che Ascarelli trovò indosso alle vittime.