Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home Ricerca Laboratori e centri di ricerca Centro di documentazione europea News Come l’Europa affronterà il terrorismo internazionale?

Come l’Europa affronterà il terrorismo internazionale?

IL TERRORISMO_LOCANDINA

IL TERRORISMO_LOCANDINA

Il terrorismo internazionale è uno dei problemi più gravi che l’Europa e il resto del mondo si trovano a dover affrontare nell’immediato.

È difficile combattere un nemico che non ha paura della morte, che si serve di fanatici e persone disposte al sacrificio della propria vita per una dottrina religiosa, un governo e una ideologia politica.

Durante gli anni passati abbiamo assistito a molti attacchi terroristici in tutta Europa.

La maggioranza è costituita da attacchi suicidi organizzati dall’ISIS, il sedicente Stato islamico, che è in realtà un gruppo militare jihadista salafita, che segue il Wahhabismo, un movimento di riforma religiosa.

Tutti ricordiamo le città che hanno subito gli attacchi terroristici riconducibili all’ISIS: Parigi, Berlino, Bruxelles, Stoccolma etc. L’ultimo attacco suicida è avvenuto alla Manchester Arena in Inghilterra, al termine del concerto della cantante statunitense Ariana Grande. L'autore dell'attacco, Salman Ramadan Abedi, è un ragazzo di 22 anni, musulmano, vissuto in Inghilterra. L'esplosione ha provocato 23 morti (incluso l'attentatore) e 116 feriti, tra i quali almeno 12 bambini al di sotto dei 16 anni.

L’Unione Europea focalizza la propria strategia di lotta al terrorismo principalmente su sette temi che includono interoperabilità e accesso alle banche dati, disposizioni sulla sicurezza delle frontiere, giustizia penale e prevenzione della radicalizzazione. Ha inoltre avviato una riflessione concernente la coerenza e l’efficacia dell’architettura delle politiche antiterrorismo e i problemi di cooperazione, supervisione e implementazione in particolare in sette Stati membri chiave: Belgio, Bulgaria, Francia, Germania, Paesi Bassi, Slovacchia e Spagna.

Parallelamente all’Unione europea, Il Consiglio d'Europa sviluppa norme giuridiche per prevenire e reprimere gli atti terroristici attraverso il diritto penale e altre misure, nel rispetto dei diritti umani e dello Stato di diritto e lavora costantemente per migliorare la cooperazione internazionale e per portare i terroristi alla giustizia.

Il Comitato degli esperti sul terrorismo (CODEXTER) segue l'attuazione degli strumenti giuridici del Consiglio d'Europa contro il terrorismo, in primis la Convenzione del Consiglio d’Europa per la prevenzione del terrorismo, e coordina le attività del Consiglio d'Europa contro il terrorismo. Per il 2016-2017, sono state stabilite tre priorità: il terrorismo e internet, il terrorismo e la criminalità organizzata, l’individuazione di possibili lacune nel quadro giuridico fornito dagli strumenti giuridici internazionali del Consiglio d'Europa nel campo della prevenzione e della repressione del terrorismo, anche in relazione al diritto internazionale umanitario e al terrorismo e anche in relazione all'assenza di una definizione comune di "terrorismo" nel diritto internazionale.

Per avere ulteriori informazioni su come l’Unione Europea affronterà il terrorismo, si possono consultare i seguenti siti:

http://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/STUD/2017/583124/IPOL_STU(2017)583124_EN.pdf

https://www.europol.europa.eu/activities-services/main-reports/eu-terrorism-situation-and-trend-report

http://www.votewatch.eu/en/term8-combating-terrorism-draft-legislative-resolution-provisional-agreement-amendment-101-ordinary-legisl.html

http://www.qcea.org/wp-content/uploads/2011/04/bp-terror3-actionplan-en-2005.pdf

https://euobserver.com/justice/137320

https://euobserver.com/beyond-brussels/137337

https://euobserver.com/justice/136110

https://euobserver.com/justice/136110

https://euobserver.com/health/137959

https://euobserver.com/social/134534

https://euobserver.com/migration/131142

 

La posizione del Consiglio d’Europa

http://www.consilium.europa.eu/uedocs/cmsUpload/DECL-25.3.pdf

http://www.consilium.europa.eu/en/policies/fight-against-terrorism/?lang=hr

http://www.consilium.europa.eu/en/policies/fight-against-terrorism/counter-terrorism-coordinator/

http://www.consilium.europa.eu/en/policies/fight-against-terrorism/

http://www.coe.int/en/web/counter-terrorism

http://www.coe.int/en/web/conventions/full-list/-/conventions/rms/090000168047c5ea

http://www.coe.int/en/web/conventions/full-list/-/conventions/treaty/217?_coeconventions_WAR_coeconventionsportlet_languageId=it_IT

https://search.coe.int/cm/Pages/result_details.aspx?ObjectID=09000016805c3576

http://www.coe.int/en/web/counter-terrorism/terrorism-and-organised-crime

https://book.coe.int/eur/en/european-court-of-human-rights/4966-counter-terrorism-and-human-rights-in-the-case-law-of-the-european-court-of-human-rights.html

https://search.coe.int/cm/Pages/result_details.aspx?ObjectID=09000016805c6141

http://www.coe.int/en/web/human-rights-channel

http://www.coe.int/en/web/human-rights-channel/-/helping-victims-of-terrorism

http://www.coe.int/en/web/human-rights-channel/victims-terrorism

http://www.coe.int/en/web/human-rights-channel/-/terrorism-must-be-tackled-using-democratic-means

http://www.ecfr.eu/debate/european_responses_to_terrorism6082

 

Alcune opinioni della stampa

http://preventwmd.org/a-thinking-about-to-combat-terrorism/

http://www.e-ir.info/2012/09/06/european-approaches-to-terrorism-in-a-post-911-world/

http://edition.cnn.com/2017/05/27/europe/manchester-terror-attack-uk/

http://time.com/4607481/europe-terrorism-timeline-berlin-paris-nice-brussels/

http://www.express.co.uk/news/world/693421/Terror-attacks-timeline-France-Brussels-Europe-ISIS-killings-Germany-dates-terrorism

 

Antyterroryzm una istituzione del Governo polacco

http://www.antyterroryzm.gov.pl/eng/anti-terrorism/foreign-cooperation/the-european-union/677,The-European-Union.html

http://www.antyterroryzm.gov.pl/eng/anti-terrorist-protect/620,INTERMINISTERIAL-TEAM-FOR-TERRORIST-THREATS.html

http://www.antyterroryzm.gov.pl/eng/anti-terrorist-protect/621,COUNTER-TERRORIST-CENTRE-CTC.html

http://www.antyterroryzm.gov.pl/eng/anti-terrorist-protect/645,PERMANENT-GROUP-OF-EXPERTS.html

http://www.antyterroryzm.gov.pl/eng/anti-terrorism/institutions-and-servi/the-government-centre/662,dok.html

 

Mappa con gli attacchi terroristici nel 2017:

https://storymaps.esri.com/stories/terrorist-attacks/?year=2017

Aggiornamento:

Le commissioni parlamentari stanno lavorando a nuove strategie per impedire il finanziamento delle azioni e organizzazioni terroristiche. Per prevenire gli attacchi e bloccare il flusso di fondi bisogna combattere il riciclaggio mondiale di denaro e la criminalità organizzata, dicono gli eurodeputati.

I territori ancora nelle mani dell’ISIS forniscono ai terroristi risorse naturali come il petrolio.

Il denaro per finanziare guerra e terrorismo non viene solo dall’interno, ma da fonti diverse di finanziamento internazionale, attraverso attività di crimine organizzato. Secondo lo studio ‘The financing of the ‘Islamic State’ in Iraq and Syria (ISIS)’ richiesto dalla Commissione Sicurezza e difesa l’amministrazione delle risorse esterne avviene in maniera centralizzata. Quindi deve essere congiunto e internazionale lo sforzo per impedire la circolazione di questi finanziamenti.

Link: