Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home Ricerca Laboratori e centri di ricerca Centro di documentazione europea News Cosa pensano gli Stati membri dell’istituzione dell’Ufficio del Pubblico Ministero Europeo?

Cosa pensano gli Stati membri dell’istituzione dell’Ufficio del Pubblico Ministero Europeo?

PME_LOCANDINA

PME_LOCANDINA

Nel luglio 2013 la Commissione Europea ha formulato una proposta di regolamento del Consiglio concernente la costituzione dell'Ufficio del Pubblico Ministero Europeo (EPPO). L'Ufficio del Pubblico Ministero Europeo costituisce un ufficio di procura indipendente, a livello europeo, competente a svolgere indagini penali per individuare, indagare e rinviare a giudizio gli autori dei reati che ledono gli interessi finanziari dell'Unione Europea.

L’EPPO combinerà l’applicazione del diritto dell’Unione europea e nazionale con un approccio unificato e efficiente al fine di contrastare le frodi finanziarie a livello europeo. Avrà una struttura decentralizzata allo scopo di coinvolgere e integrare le autorità nazionali che si occupano dell’applicazione ed esecuzione delle norme pertinenti.

L’Ufficio sarà diretto dal Pubblico Ministero Europeo e le sue indagini saranno effettuate dai Procuratori Europei Delegati (EDP) presenti in ogni Stato Membro (almeno un procuratore in ogni Stato Membro). Gli EDP saranno parte dell’EPPO e continueranno ad esser parte al tempo stesso degli uffici di procura nazionali, ma nella loro veste di Procuratori Europei Delegati saranno del tutto indipendenti dalle procure nazionali.

16 Stati Membri (Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Spagna, Finlandia, Francia, Lituania, Lussemburgo, Portogallo, Romania, Slovenia e Slovacchia) hanno deciso di partecipare alla costituzione dell'Ufficio del Pubblico Ministero Europeo instaurando una cooperazione rafforzata (art. 326 ss. TFUE) a tal fine. Altri stati membri potrebbero entrare a far parte dell’Ufficio prima o dopo la sua costituzione, aderendo in un secondo momento alla cooperazione rafforzata (art. 331 TFUE) in questione.

Regno Unito, Irlanda, Danimarca, Svezia, Ungheria, Polonia, Paesi Bassi e Malta non intendono far partecipare i loro procuratori all’EPPO. Di questi Stati membri, è opportuno ricordare che la Danimarca non partecipa in termini generali alle iniziative legislative relative allo Spazio di libertà, sicurezza e giustizia (c.d. opting out), mentre il Regno Unito, fintantoché sarà ancora membro dell’UE, e l’Irlanda hanno facoltà di decidere di volta in volta se parteciparvi (c.d. opting in).

Portogallo, Cipro e Italia non si sono ancora pronunciati in merito, in quanto attendono l’emanazione del testo definitivo del regolamento istitutivo dell’EPPO prima di decidere riguardo alla loro partecipazione.

AGGIORNAMENTO:

Link dell'articolo 'La Procura europea è finalmente realtà: what’s next…?':

http://rivista.eurojus.it/la-procura-europea-e-finalmente-realta-whats-next/

NOTIZIA RECENTE:

Il 31 ottobre 2017 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea n. L 283 il Regolamento (UE) 2017/1939 del Consiglio, del 12 ottobre 2017, relativo all’attuazione di una cooperazione rafforzata sull’istituzione della Procura europea (EPPO).

NOTIZIE RECENTI:

Il Parlamento Europeo il 5 ottobre 2017 ha approvato a Lussemburgo la Procura Europea (EPPO), con 456 voti favorevoli, 115 contrari e 60 astensioni. Dopo questo voto, il Consiglio potrà adottarne formalmente il regolamento dello European Public Prosecutor’s Office - EPPO,  che dovrebbe essere operativo tra il 2020 e il 2021.

L'EPPO sarà istituita nell'ambito di una cooperazione rafforzata tra 20 Stati membri. Gli 8 Paesi che attualmente non hanno aderito - Svezia, Paesi Bassi, Malta, Ungheria, Polonia, Regno Unito, Irlanda, Danimarca e Ungheria - potranno farlo in qualsiasi momento.

Link:

http://www.europarl.europa.eu/italy/it/succede-al-pe/approvata-dal-pe-la-procura-europea-anti-frode

http://www.europarl.europa.eu/news/it/press-room/20171002IPR85127/una-procura-europea-per-combattere-le-frodi

 

AGGIORNAMENTO: Il 9 giugno, 20 Stati (tra cui l'Italia) hanno raggiunto l'accordo sul testo della Procura Europea. Resta il passaggio per il consenso del Parlamento.

Il 23 giugno 2017, l'Italia ha notificato al SG del Consiglio la propria volontà di aderire alla procedura di cooperazione rafforzata relativamente allo European Public Prosecutor Office con gli altri 19 Stati partecipanti alla stessa.


Ulteriori informazioni sui compiti, sulla struttura e sulla proposta di regolamento del Consiglio relativa alla costituzione dell'Ufficio del Pubblico Ministero Europeo possono essere reperite nei seguenti siti:

http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:12012E/TXT&from=HR

http://data.consilium.europa.eu/doc/document/ST-5766-2017-INIT/it/pdf

http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:52013PC0534&from=EN

http://www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2017/04/03-eppo/

http://www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2017/02/07-epo-enhanced-cooperation/

http://www.consilium.europa.eu/en/meetings/gac/2017/02/07/

https://euobserver.com/justice/137188

https://euobserver.com/justice/122285

https://euobserver.com/justice/137421

https://www.ceps.eu/publications/european-public-prosecutor%E2%80%99s-office-king-without-kingdom

https://www.ceps.eu/system/files/RR2017-03_EPPO.pdf

http://www.euractiv.com/section/economy-jobs/news/commission-hails-downsized-eu-public-prosecutor-as-victory-for-multi-speed-europe/

http://www.euractiv.com/section/justice-home-affairs/news/france-and-germany-team-up-to-push-through-eu-public-prosecutors-office/

http://www.euractiv.com/section/justice-home-affairs/opinion/wed-onlynational-officials-in-support-of-european-public-prosecutor-office/

http://www.associazionemagistrati.it/doc/1529/il-pubblico-ministero-europeo.htm

http://ec.europa.eu/anti-fraud//home_en

https://db.eurocrim.org/db/en/vorgang/306/

 

http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-17-1551_en.htm?utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter

The future cooperation between OLAF and the European Public Prosecutor's Office (EPPO) (Parlamento europeo)