Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home Ricerca Laboratori e centri di ricerca Centro di documentazione europea News La nuova struttura della Commissione von der Leyen

La nuova struttura della Commissione von der Leyen

Nuova Squadra Commissione

Nuova Squadra Commissione

La nuova squadra e la struttura della prossima Commissione europea sono state presentate lo scorso 10 settembre.

Il nuovo collegio avrà otto vicepresidenti, i quali saranno responsabili delle principali priorità enunciate negli orientamenti politici. Guideranno le attività relative alle questioni generali più importanti, come il Green Deal europeo, un'Europa pronta per l'era digitale, un'economia che lavora per le persone, la protezione del nostro stile di vita europeo, un'Europa più forte nel mondo e un nuovo slancio per la democrazia europea. I Commissari, al centro della struttura del nuovo collegio, gestiranno le competenze specialistiche fornite dalle direzioni generali.

I tre vicepresidenti esecutivi avranno una doppia funzione: saranno al contempo Commissari e vicepresidenti responsabili di uno dei tre temi centrali dell'agenda indicata dalla Presidente eletta.

Da un lato, il vicepresidente esecutivo Frans Timmermans (Paesi Bassi), di orientamento politico social-democratico, coordinerà le attività per il Green Deal europeo e inoltre gestirà la politica di Azione per il clima. La vicepresidente esecutiva Margrethe Vestager (Danimarca) coordinerà l'intera agenda per un'Europa pronta per l'era digitale e sarà commissaria per la Concorrenza, con il sostegno della Direzione generale per la Concorrenza. Vestager è stata ministro danese per gli Affari economici e dell'Interno con il Partito Social-Democratico Danese, un partito di centro-sinistra. Il Vicepresidente esecutivo Valdis Dombrovskis (Lettonia) coordinerà le attività per un'economia al servizio delle persone e sarà commissario per i servizi finanziari, con il sostegno della Direzione generale della Stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l'Unione dei mercati dei capitali. Dombrovskis è stato primo ministro della Repubblica lettone ed è attualmente membro del Partito Unità, un partito di centro destra.

I cinque altri Vicepresidenti sono: Josep Borrell (Spagna), attuale Ministro degli Affari esteri con il PSOE (Partito Socialista Operaio Spagnolo), un partito di centro-sinistra. Precedentemente, Borrell è stato Presidente del Parlamento Europeo dal 2004 fino al 2007.  Borrell sarà il nuovo Alto Rappresentante dell'Unione per gli affari esteria e la politica di sicurezza. Věra Jourová (Repubblica Ceca, già Commissario nella Commissione Juncker), incaricata della politica dei valori e trasparenza, è membro del partito liberale ANO (Alleanza dei cittadini insoddisfatti), un partito di indirizzo centrista e populista. Margaritis Schinas (Grecia, ex membro del Parlamento europeo) si incaricherà della protezione dello stile di vita europeo. Schinas appartiene al partito Nuova Democrazia, il principale partito del centro-destra e uno degli partiti di maggioranza del Parlamento greco. Maroš Šefčovič (Slovacchia, già vicepresidente nella Commissione Juncker): assumerà la gestione delle relazioni interistituzionali e delle prospettive strategiche. Šefčovič è membro del Partito di Direzione-Social Democrazia slovacco. Finalmente, Dubravka Šuica (Croazia, membro del Parlamento europeo) guiderà la politica concernente la democrazia e la demografia. Šuica è membro dell'Unione Democratica Croata, un partito liberale conservatore e il principale partito di centro-destra della Croazia.

L'obiettivo del Presidente eletto von der Leyen è quello di presiedere un Collegio impegnato nei confronti dei cittadini europei. A tal fine, i membri della nuova commissione devono:

  • Visitare tutti gli Stati membri durante la prima metà del loro mandato. Non dovrebbero entrare in contatto solo con le capitali, ma visitare anche le regioni in cui gli europei vivono e lavorano.
  • Contribuire all'adeguamento all'era digitale. Le riunioni del collegio saranno senza carta e digitali.
  • Proporre nuove leggi e regolamenti con l'obiettivo di facilitare la vita delle persone e delle imprese, riducendo le procedure burocratiche.

Prossime tappe

Come passo successivo, il Parlamento europeo dovrà approvare l'intero collegio dei commissari, compreso l'Alto Rappresentante dell'Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza e il Vicepresidente della Commissione europea.

La procedura di esame delle candidature dei commissari si divide in tre fasi, come prevede l'articolo 17, paragrafo 7, del TUE. La prima è la fase preparatoria in cui il Parlamento europeo riceve e analizza le dichiarazioni finanziarie dei candidati, richiedendo eventualmente informazioni aggiuntive per risolvere conflitti di interesse in quanto la dichiarazione di assenza di conflitti di interesse è una precondizione affinché possa cominciare la seconda fase. Inoltre, ogni commissario viene invitato ad essere ascoltato prima dalla commissione competente e a rispondere per iscritto alle domande poste. La seconda fase comprende le audizioni vere e proprie in cui i commissari designati dovranno rispondere alle domande poste dai parlamentari europei per circa tre ore. Immediatamente dopo, si riunisce il comitato di valutazione con il compito di chiedere ulteriori spiegazioni se necessarie. La fase finale si realizza nella plenaria in cui il Presidente eletto presenta la squadra dei commissari e il programma davanti al Parlamento. Dopo il dibattito, se la Commissione designata riceve la maggioranza dei voti, la nomina della nuova Commissione vien ufficializzata e ha inizio il mandato.

Per ulteriori informazioni:

https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/it/IP_19_5542

Per ulteriori informazioni sulla nuova squadra:

Assegnazione di portafogli e servizi di supporto

https://ec.europa.eu/commission/interim/commissioners-designate_it

Per ulteriori informazioni sulla procedura di formazione della Commissione:

https://www.europarl.europa.eu/news/it/faq/8/come-sono-nominati-il-presidente-della-commissione-e-i-commissari

Processo Spitzenkandidaten

 

Locandina