Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

#UEVeroFalso

UE vero falso

UE vero falso

 

 

La Rappresentanza della Commissione europea in Italia ha creato nel 2018 un hashtag #Ueverofalso nel quale sono pubblicate informazioni che aiutano a distinguere cosa è vero da cosa è falso tra le numerose informazioni pubblicate sull’UE, specialmente sui social media.

 

Tratta di argomenti di attualità che riguardano l’Italia.  Tra gli ‘Euromiti’ denunciati dall’hashtag UEVeroFalso, il mito maggiore è quello che l’UE agirebbe in favore di paesi terzi o di altri paesi membri, a danno dell’Italia.

Per esempio: l’Euro sarebbe un danno per l’economia italiana, le regole UE minaccerebbero i prodotti tipici, il bilancio UE non avrebbe un ritorno favorevole per l’Italia, il regolamento di Dublino sulla questione dei migranti lascerebbe l’Italia da sola, l’UE complotterebbe contro gli spaghetti alle vongole, o ancora gli ulivi sarebbero stati abbattuti in Puglia per favorire l’importazione di olio straniero.

Alcuni esempi di questi ‘Euromiti’:

“L’Euro non è positivo per l’economia italiana”

In questo articolo, si tratta della situazione economica in Italia dopo la sua entrata nell’Eurozona e delle conseguenze possibili se l’Italia ne uscisse.
https://ec.europa.eu/italy/news/euromyths_20180219_Euro_e_un_danno_per_il_paese_UEverofalso_it

“Gli Italiani contribuiscono al bilancio UE, senza un ritorno positivo”

Qui, si tratta dell’uso fatto dei soldi italiani messi nel bilancio UE. Il fatto che l’Italia versa più di quanto riceve dall’UE è utilizzato per sostenere la possibilità di uscire dall’UE per ridurre gli oneri dell’Italia. Ma si producono anche impatti positivi dell’UE sui cittadini italiani, ulteriori rispetto all’aspetto finanziario.
https://ec.europa.eu/italy/news/euromyths/20180201_i_nostri_soldi_finiscono_nel_budget_dell_Europa_UEverofalso_it

“Il regolamento di Dublino è un male per l’Italia”

Il Regolamento di Dublino è frutto di un accordo approvato dagli Stati membri sui criteri di determinazione dello Stato membro competente ad esaminare una domanda di asilo. Nell’hashtag UEVeroFalso si dimostra che ogni paese gestisce le richieste di asilo indipendentemente dall’UE, anche se non sempre a vantaggio dei paesi situati lungo le frontiere esterne dell’Unione, come l’Italia. Infine, si è mostrato che la Commissione europea lavora sulla questione con l’intento di riformare il sistema, tra le altre cose, si propone di creare un procedimento che consenta di controllare il numero di domande di asilo ricevuto in ogni Stato membro.
https://ec.europa.eu/italy/news/euromyths/20180205_il_regolamento_dublino_lascia_sola_Italia_UEverofalso_it

“Le regole UE minacciano i prodotti tipici dei paesi membri”

Con la creazione dell’UE, le domande per la protezione del cibo locale sono salite. È vero che oggi è più facile produrre imitazioni di prodotti locali come il formaggio. L’UE ha tuttavia implementato diversi sistemi di marchi d’origine per proteggere i prodotti tipici come l’IGP (indicazione geografica protetta), la denominazione di origine protetta (DOP) e il STG (specialità tradizionale garantita).
https://ec.europa.eu/italy/news/euromyths_20180208_Ue_uccide_prodotti_titpici_italiani_UEverofalso_it

“L’UE complotta contro gli spaghetti alle vongole”

Si tratta di una fake news secondo la quale l’UE vieterebbe certi pescati tradizionali, più specificamente per effetto dei regolamenti  1224/2009 e 1005/2008, che creano una normativa europea sul pescato con la finalità di limitare la pesca per preservare le specie e la biodiversità.
https://ec.europa.eu/italy/https%3A//ec.europa.eu/italy/news/euromyths/20160719_complotto_ue_contro_spaghetto_alle_vongole_it

Ci sono anche degli argomenti che riguardano tutti i cittadini europei, come la crescita dei voli low cost, le azioni UE per i giovani e la cultura.

Ad esempio:

“La crescita dei voli low cost ha un impatto negativo sui territori europei”

Prima di tutto, si dimostra che l’UE ha avuto un ruolo molto importante nella crescita delle opportunità di viaggio, in particolare con l’eliminazione delle barriere nazionali al trasporto aereo e con regole sulla protezione dei diritti dei passeggeri.
Si mostra inoltre come lo sviluppo dei voli low cost abbia favorito l’espansione degli aeroporti regionali e quindi, allo sviluppo economico di questi territori.
https://ec.europa.eu/italy/news/euromyths_20180227_LowCost_it

“L’UE non agisce a favore dei giovani”

Anche se la crisi economica iniziata nel 2008 ha toccato in modo particolare i giovani, l’UE ha implementato numerosi programmi per aiutarli a trovare lavoro, a studiare all’estero con il programma Erasmus+ o, ancora, per formarli alla solidarietà col Corpo europeo di solidarietà, creato nel dicembre 2016.
https://ec.europa.eu/italy/news/euromyths_20180222_Europa_non_fa_nulla_per_i_giovani_Ueverofalso_it

“L’Europa non ama la cultura”

È dimostrato che l’UE sostiene il settore culturale nelle sue diverse forme (cinema, patrimonio, arte, ecc.) e con vari programmi.
https://ec.europa.eu/italy/news/euromyths/20180201_Europa_non_ama_la_cultura_UEverofalso_it

 

Per saperne di più:

Euronews: http://it.euronews.com/2018/04/03/lotta-alle-fake-news-minor-liberta-di-espressione